di SARA CASARIN... amante dello sport e della cucina sana: il connubio perfetto per vivere al meglio!

Pagine

domenica 27 gennaio 2019

IL RISO DELLA SALUTE: riso selvaggio con lenticchie al profumo di zenzero e crema di romanesco

Nella cucina macrobiotica, ed in generale in varie filosofie culinarie, l'abbinamento cereali integrali-legumi-verdure viene considerato un trittico perfetto per la salute.
Ingredienti semplici possono anche divenire piatti gustosi e completi.
Oggi ho abbinato il riso selvaggio integrale con le lenticchie (che amo cucinare con lo zenzero) ed una crema di cavolo romanesco.
La preparazione richiede un'oretta circa ma non è affatto complicata ed il risultato è delicato, ma davvero godurioso.
La ricetta la trovate pubblicata anche sul portale del riso italiano https://www.risotto.us dove potete trovare tante idee gustose a base di riso.

Gli ingredienti per 4 persone
320 gr riso selvaggio integrale
200 gr lenticchie piccole (verdi o rosse)
un pezzo di alga kombu lungo circa 4 cm
1 carota
1 scalogno
1 pezzo di zenzero lungo circa 5 cm
1 cavolo (o broccolo) romanesco
olio extravergine di oliva q,b.
sale q.b.
pepe q.b.
semi di sesamo tostati


Procedimento:

  • Il Riso
Cuocere il selvaggio integrale in abbondante acqua bollente salata, seguendo i tempi indicati sulla confezione, scolare e mettere da parte.


  • Le lenticchie
Sciacquare le lenticchie (che solitamente non richiedono l'ammollo). Fare un soffritto con lo scalogno e la carota tagliati fini, aggiungere le lenticchie e coprire con acqua bollente. Durante la cottura aggiungere un pezzo di alga kombu tagliato a pezzettini: renderà le lenticchie molto più digeribili. Cuocere le lenticchie almeno mezz'ora, se necessario aggiungere un po'di acqua per volta. Aggiungere il sale solo verso la fine (perchè se aggiunto troppo presto le rende più dure ed allunga i tempi di cottura), aggiungere lo zenzero grattugiato e amalgamare bene gli ingredienti mescolando. Non devono rimanere asciutte, ma belle morbide.


  • La crema di romanesco
Cuocere a vapore il cavolo romanesco. Tenere da parte qualche cima, mentre è ancora caldo frullarlo con 2 cucchiai di olio extravergine, dosare di sale, pepe e aggiungere un goccio d'acqua sino ad ottenere una crema molto morbida.


  • Impiattiamo
Saltare il riso con le lenticchie. Mettere in un piatto la crema di romanesco. Con un coppapasta mettere al centro della crema il riso saltato con le lenticchie schiacciandolo bene con un cucchiaio in modo tale che togliendo il coppapasta resti ben unito.
Guarnire con le cime sbriciolate, tenute da parte, e con dei semi di sesamo tostati.
Io per colorare il piatto ho aggiunto un po' di polvere di barbabietola.

 



   

mercoledì 23 gennaio 2019

RAGÙ VEG DI TEMPEH

Ho sempre fatto il ragù veg usando il granulare di soia (nel blog ho messo da tempo la ricetta), ma recentemente ho letto qualche spunto per fare il ragù con il tempeh. Ho apportato ovviamente qualche piccola personalizzazione e devo dire che il risultato è eccellente.
Il tempeh è un'ottima fonte di proteine vegetali, ricavato dalla soia fermentata e quindi molto  digeribile. Oggi l'ho abbinato alla King Soba, che è una pasta di grano saraceno gluten free biologica che compro dal mio caro amico Luca, anche lui ciclista, (Ohana bioshop - shop online con prodotti eccellenti e prezzi davvero concorrenziali), ma potete abbinarlo alla vostra pasta preferita. Ho aggiunto di contorno una bella insalata colorata e croccante, per ottenere un pasto bilanciato, nutriente e saziante.

Gli ingredienti per condire la pasta per 4 persone
200 gr tempeh
350 gr passata di pomodoro biologica
1 carota
1 cipolla piccola
1 rametto di rosmarino
Sale
Pepe
Olio evo

Procedimento
Fare un soffritto con la cipolla, la carota e l'olio. Aggiungere il tempeh sbriciolato con le mani, la salsa di pomodoro e dosare di sale e pepe. Aggiungere infine il rosmarino tagliato a pezzettini molto fini.
Cuocere una ventina di minuti, se si asciuga troppo aggiungere qualche cucchiaio di acqua.
Cuocere la la pasta, condire con il ragù e servire in tavola.
Si può congelare ed utilizzare al bisogno.


giovedì 10 gennaio 2019

ENERGY BISCUITS

Questi biscotti li ho fatti ieri, come spesso mi accade mettendo "a  occhio" ingredienti che mi frullavano in testa...e sono venuti così buoni che li ho rifatti stasera per trascrivere con precisione le dosi usate (...e anche perché, per la verità, qualcuno a casa aveva finito tutti quelli fatti solo un giorno fa!!!).
Senza lievito, sono croccanti e davvero golosi.

Gli ingredienti per una ventina di biscotti:
100 gr farina di mandorle
200 gr farina integrale
60 gr zucchero di canna integrale
60 ml olio di semi alto oleico
30 gr burro di arachidi (un cucchiaio colmo)
1 uovo
1 pizzico di sale
Se necessario uno o due cucchiai di acqua
noci per guarnire

Procedimento:
Unire in una ciotola gli ingredienti secchi, aggiungere poi l'uovo, il burro di arachidi e l'olio. Se l'impasto, che verrà simil frolla, fa fatica a stare insieme, unire un cucchiaio di acqua.
Lavorare tutti gli ingredienti fino ad ottenere un panetto compatto.
Mettere in frigo mezz'ora circa.
Stendere su un foglio di carta forno, tagliare della forma desiderata e guarnire ogni biscotto con mezza noce.
Cuocere per circa 15 minuti a temperatura non troppo alta, in forno già caldo (circa 150°). Sfornare quando dorati, si induriscono raffreddandosi.

domenica 6 gennaio 2019

SORGO VERDE CROCCANTE

In questo piatto ho usato ingredienti poco noti ma molto buoni e salutari: il sorgo ed il tempeh.
Il sorgo è un pseudo-cereale perché in realtà è una pianta erbacea che appartiene alla famiglia delle graminacee, gluten free, ricco di fibre. Contiene inoltre alcuni aminoacidi tali per cui, se associato ad un legume, si ottiene un piatto con tutti gli aminoacidi essenziali.
Ecco perché l'ho abbinato al tempeh che è un alimento vegetale ottenuto dalla fermentazione dei fagioli di soia. Ha una consistenza compatta ed un sapore che ricorda le note di noci e funghi.
Gli ingredienti per 4 persone
300 gr sorgo
150 gr tempeh
130 gr pesto
Olio evo q.b.
Una manciata di anacardi
Polvere di barbabietola (facoltativa)
Procedimento
Mettere a bagno il sorgo un paio d'ore, sciacquare e poi cuocere in pentola a pressione circa 30 minuti, con una quantità d'acqua doppia rispetto al sorgo.
Il sorgo assorbirà tutta l'acqua e si gonfierà aumentando notevolmente di volume.
(Per la cottura potete anche seguire le istruzioni sulla confezione).
Nel frattempo tagliare il tempeh a cubetti e saltarlo con un filo di olio.
Unire il sorgo, il pesto e saltare un paio di minuti.
Tostare una manciata di anacardi.
Impiattare mettendo sopra il sorgo gli anacardi tostati e sbriciolati.
Io ho dato una nota di colore anche con un po' di polvere di barbabietola.

lunedì 3 dicembre 2018

TORTA LIGHT DI CASTAGNE CON MARMELLATA DI MANDARINO E CURCUMA

Una torta leggera, con i profumi tipici di questa stagione: le castagne e il mandarino. La farina di castagne è già molto dolce perciò ho usato pochissimo zucchero. Unita alla marmellata di mandarino e curcuma (Rigoni senza zuccheri aggiunti... La trovate anche nella grande distribuzione) è venuto un mix di sapori sorprendenti.
150 gr farina di castagne biologica
150 gr farina di tipo 1
50 gr zucchero di canna integrale
80 ml olio di semi alto oleico
1 uovo
1 bustina di polvere lievitante bio
Un pizzico sale
2 cucchiai di cacao amaro senza zucchero
Acqua q.b.
Marmellata di mandarino e curcuma
Unire le farine, lo zucchero, un pizzico di sale ed il cacao mescolando bene.
Mettere poi l'olio e l'uovo. Aggiungere il lievito. Mescolare nuovamente e aggiungere acqua quanto basta ad ottenere un impasto morbido e cremoso.
Usare una tortiera da circa 22 cm, mettere la carta forno, versare il composto e cuocere in forno caldo per circa 30 min a 170°.
Fare raffreddare, poi tagliare a metà orizzontalmente e farcire generosamente con la marmellata di mandarino e curcuma.

POST PIU' VISITATI